Tra le mete turistiche che negli ultimi anni hanno preso piede vi è senza dubbio Dubai, una vera e propria gemma sbocciata in pieno deserto, perfetta per chi desidera una vacanza al caldo in ogni periodo dell’anno. Scopriamo insieme le 10 cose da vedere a Dubai, capitale degli Emirati Arabi.

In tour per Dubai: le prime da vedere

La scoperta di Dubai non può che iniziare da quello che al momento è l’edificio più alto del mondo: il Burj Khalifa, un grattacielo che si innalza per qualcosa come 828 metri ed è composto da 124 piani. Se ci si trova in vacanza a Dubai sarebbe davvero un delitto non salire fino in cima per poter apprezzare la vista panoramica indimenticabile. Dopo essere arrivati in cima sarà davvero difficile tornare con “i piedi per terra”.

Il secondo luogo da inserire nel tour è Dubai Creek. Questa insenatura naturale si può definire come una sorta di simbolo che unisce la Dubai del passato a quella del futuro. Da provare anche una corsa su Abra, ovvero i famosi taxi acquatici con cui si può andare da una sponda all’altra di questa insenatura naturale.

Che Dubai sia una città futuristica ed eccentrica lo si può comprendere da vari aspetti. Uno dei tanti? Il fatto che sia l’unica realtà al mondo in cui è possibile trovare un hotel a 7 stelle: ovviamente, pernottare in questo hotel risulta impossibile per la stragrande maggioranza dei turisti che si trovano a Dubai, ma un selfie con alle spalle il Burj Al Arab (questo il nome dell’hotel), rimarrà comunque un ricordo indelebile, anche in virtù della sua originale forma a vela.

Parlando dell’eccentricità di Dubai, non si può non arrivare a parlare del Mall of Emirates che non è solo uno dei centri commerciali più grandi del mondo, ma anche un luogo dove si può addirittura sciare.

Sembra impossibile, perché Dubai si trova nel bel mezzo del deserto e, invece, chiunque viva o si trovi in città da turista e abbia voglia di vedere della neve e di vivere un ambiente montano, lo può fare senza difficolta; non si può negare che passare dal costante caldo torrido della città ad un freddo quasi polare sia un’altra esperienza indimenticabile.

La prima metà della lista di cose da vedere a Dubai si conclude con il Dubai Marina, uno degli ultimi quartieri progettati da architetti di fama mondiale: questo quartiere è un concentrato di bellezze naturali e di modernità e vale davvero la pena visitarlo tutto.

Tra i musei e le bellezze naturali di Dubai

Davanti a tanta modernità ed eccentricità si rischia di perdere di vista altri aspetti che rendono Dubai una città tutta da scoprire.

Ad esempio, in una lista delle 10 cose da vedere nella capitale degli Emirati Arabi si rischia di non inserire alcuni poli museali che meritano davvero di essere visitati ed apprezzati. Tra i diversi musei che Dubai ha da offrire ai viaggiatori, si può ad esempio citare il Museo di Dubai, la cui inaugurazione risale al 1971.

Questo polo museale è ospitato nel Forte Al Fahidi che si caratterizza per il fatto di essere l’edificio più antico di tutta la città. Questo museo è molto importante perché conserva la memoria di quel che era la vita a Dubai prima che il petrolio portasse in dote quelle risorse finanziare che hanno permesso di rendere la città il gioiello moderno e futuristico che oggi tutto il mondo conosce.

Un altro museo che merita di essere visitato è il Museo del Cammello: qui fino alla fine degli anni ’30 del secolo scorso trovavano posto i cammelli degli sceicchi. All’inizio degli anni ’40 venne deciso di dare vita al Museo del Cammello: come si può facilmente immaginare, questo polo museale è interamente dedicato al cammello, animale molto importante nella cultura araba.

Infine, l’ultimo museo che vale la pena visitare è il Museo dell’Architettura Tradizionale, il quale consente di scoprire com’era Dubai da un punto di vista architettonico prima del veloce e repentino ammodernamento di cui è stata oggetto negli ultimi anni.

Dubai non è però semplicemente una città moderna che guarda al futuro, ma anche una realtà che rimane comunque legata al proprio passato ed anche alla natura circostante. A tal proposito, risulta davvero interessante poter fare dei tour nei dintorni della città, grazie ai quali si ha la possibilità di venire davvero a contatto con quello che è il fascino del deserto.

L’ultimo luogo da visitare prima di ripartire verso casa è la Moschea di Jumeirah: andare a Dubai senza visitare almeno una moschea vorrebbe dire aver perso uno degli aspetti più importanti di questa realtà.

La moschea in questione è uno degli esempi più belli di quello che è lo stile architettonico islamico, inoltre, una visita a questa moschea consente di venire a contatto con uno degli angoli più spirituali di tutta Dubai.