Parigi è universalmente riconosciuta come la città dell’amore per eccellenza: gli innamorati di tutto il mondo scelgono la capitale francese per trascorrere un soggiorno indimenticabile tra piazze, monumenti e pittoreschi giardini che faranno da sfondo ai loro ricordi più belli.

I simboli di Parigi

Il simbolo di Parigi è indiscutibilmente la Torre Eiffel realizzata nel 1889: dalla sua cima, dove si può cenare in un elegante ristorante, si gode della vista più bella sull’intera città francese e sul sottostante Campo di Marte. Chi invece non ama sfidare le altezze della torre, potrà regalarsi l’immagine più romantica della Torre Eiffel, di sera e illuminata da mille luci, dal Palais de Chaillot altrimenti noto come Trocadero.

C’è poi l’Arc de Triomphe ad affascinare i visitatori: voluto da Napoleone nel 1806, sorge in Place Charles de Gaulle ed è il punto in cui convergono i leggendari Champs-Élysées. Salendo in cima al monumento, costruito ispirandosi al romano Arco di Tito, la vista spazia dall’iconico viale sottostante fino ai verdeggianti Giardini delle Tuileries, nati per volere di Caterina de Medici nel XVI secolo.

Le coppie che cercano un’oasi di pace a Parigi possono optare per il Parc de Monceau che, tra statue e laghetti, ha affascinato molti pittori impressionisti, e il Parco Montsouris, nel suo classico stile inglese. Una vera chicca è poi il giardino del Museo della Vita Romantica che circonda un grazioso hotel particulier ottocentesco dove furono ospitati persino Delacroix e Chopin: ai piedi della collina di Montmartre, si può sorseggiare una calda bevanda in un tête-à-tête sotto una romantica serra circondata dai roseti, anche nelle più fredde giornate parigine.

Da Montmartre alla Senna

Il quartiere di Montmartre, con la sua immortale atmosfera bohémien che ha attirato sin dal passato artisti del calibro di Picasso, Renoir e Van Gogh, è senza dubbio tra i luoghi più romantici di Parigi. Molte sono infatti le emozioni che si provano passeggiando tra i suoi vicoli acciottolati, tra gli artisti di strada di Place du Tertre oppure salendo la scalinata Rue Foyatre verso il Sacro Cuore, la bianca chiesa dove pare sia custodito il cuore di Gesù Cristo.

Imperdibile poi una visita al Moulin de la Galette, antico forno divenuto poi sala di ballo e meta preferita del pittore Van Gogh. Del celebre pittore olandese è l’Autoritratto presente nel Museo d’Orsey, accanto ad altre opere quali Le Ragazze di Tahiti di Gauguin, i Papaveri di Monet e i Prati di Manet.

Se si parla di musei parigini, non si può poi non menzionare il Louvre, i cui fiori all’occhiello sono la Gioconda e la Vergine delle Rocce di Leonardo da Vinci.

Non c’è vacanza romantica a Parigi che non includa una gita sulla Senna a bordo del bateau-mouche: oltrepassando il Pont Marie, sotto cui si vuole che gli amanti si scambino un dolce bacio, si osserveranno le innumerevoli bellezze parigine da una prospettiva diversa e più rilassata. Si incontrerà l’Île de la Cité con la monumentale Cattedrale di Notre-Dame, recentemente devastata da un incendio che però ne ha lasciato intatto lo scheletro, con le sue statue, i suoi doccioni e i suoi gargoyle.

Tags : Francia
Michele Casciaro
Ho base a Lecce, ma vorrei che la mia casa fosse il mondo. Del viaggio in sé amo ogni singolo aspetto: dalla partenza, quando sale la voglia di godere al meglio l'esperienza; la permanenza, quando scopro la cultura del posto e perchp no anche il ritorno, per pianificare la mia prossima meta.