I maestosi castelli e le imponenti fortificazioni disseminati nel Galles del Nord possono considerarsi di diritto tra i più affascinanti del mondo. Chi sceglie di trascorrere una vacanza in questa zona, frequentata per lo più solo da turisti locali, potrà passare ore a esplorare questi giganti di pietra dalle torri alle segrete

Ogni castello vanta un carattere unico, poiché racconta una delle tante epoche e civiltà confluite nella cultura britannica. Se Conwy è famoso per essere una straordinaria fortezza difensiva, Caernarfon è invece legato a un importante e fastoso rito regale, ovvero l’incoronazione del Principe di Galles. O ancora, lo splendido Beaumaris, da molti ritenuto il più avanzato luogo di difesa in epoca medievale, pur non essendo stato teatro di battaglie.

Per gli amanti del genere, i castelli nel Galles del Nord rientrano tra gli esempi meglio conservati e più ricchi di sfumature. Vediamo di seguito quali tappe inserire per scoprirli durante un viaggio.

I migliori castelli del Galles del Nord da esplorare

In Galles, i castelli più noti vennero edificati per volontà di Edoardo I nell’ottica di salvaguardare la linea di difesa gallese. Sono sparsi per lo più lungo la costa, da Flint a Caernarfon, anche se ci sono altri castelli in Galles, come Dinas Bran a est e Dolbadarn nella zona del parco di Snowdonia. Tuttavia, per i veri appassionati, la maggior parte dei castelli che danno vita a una visita affascinante si trovano nel nord.

Iniziando dai due più famosi, Conwy e Caernarfon, programmare una visita in giornata è agevolato dal fatto che dai castelli si può proseguire esplorando il centro o le mura della città. Ad esempio, la cinta muraria di Conwy rappresenta la più lunga e articolata di tutta Europa: da qui si possono godere alcune delle viste più spettacolari sulla cittadina.

Per scoprirne a fondo la storia, sia a Conwy sia a Caernarfon è altamente consigliato il tour audio. Coloro che desiderano tornare ancora più indietro nel tempo, nel Galles del Nord possono trovare fortificazioni risalenti all’età del ferro, tra le quali quelle più famose sopra Llangollen. Qui il fiume Dee circonda il castello di Dinas Bran, il quale si staglia come elemento unico sulla vallata circostante. Il nome, traducibile con un’espressione che in inglese moderno potrebbe suonare simile a Fortezza del corvo, richiama una delle caratteristiche più peculiari di questo luogo di difesa. Proprio come nel caso del corvo, chi visita il castello gode di una visione davvero ottimale su tutta l’area.

Sempre a Llangollen, proseguendo verso Corwen, ci si può imbattere nel Caer Drewyn Hillfort, un monumento antico convertitosi in uno dei più importanti siti archeologici del Galles. La costruzione risalente al 600 a.C. è stata teatro di diverse occupazioni e invasioni nel corso dei secoli successivi, diventando un testimone fondamentale della storia gallese. Seguendo il sentiero tracciato con il logo del castello, è possibile fare una passeggiata ad anello lunga circa tre chilometri.

La chicca da non perdere: la fortezza medievale Chirk

Simbolo di potere e regalità, questo castello venne portato a completamento nell’anno 1310, durante il regno di Edoardo I. Situato sul punto d’incontro tra i fiumi Dee e Ceiriog, questo castello vanta oltre sette secoli di storia e rimane la più tangibile testimonianza delle guerre passate che hanno portato all’annessione del Galles.

Nel corso degli anni, i vari occupanti del Castello di Chirk lo hanno decorato con arredi sontuosi e collezioni d’arte eclettiche, perfette per quanti cercano una versione più moderna e “familiare” nei castelli del Galles del Nord. Tra le sale spicca la Long Gallery, del diciassettesimo secolo, alla quale è annesso uno splendido salone dove si trovano magnifici arazzi. Merita una visita anche la Bow Room, arredata in stile anni Venti: qui appaiono evidenti i legami che il castello ha tuttora con l’alta società.

I giardini, tra i più ammirati del Galles, sono perfetti per una passeggiata che culmina nella terrazza, dalla quale si gode una vista mozzafiato sulle distese del Cheshire. La tenuta del castello esemplifica il peculiare concetto di proprietà nobiliare britannica: qui si trovano anche allevamenti di pecore, alberi secolari e una sezione ben conservata della diga di Offa, simbolo concreto delle prime civilizzazioni del luogo. Caratterizzata per una bellezza naturale senza pari, quest’area costituisce un habitat unico per esemplari rari di fiori selvatici.